Dettaglio scheda pianta    Indietro


Nome scientifico Ajuga reptans
Famiglia di appartenenza Lamiaceae (Labiate)    (Altre piante di questa famiglia)
Sinonimi
Nomi comuni Bugola
Nomi tradizionali Popolazione: Italiano    (Altre piante di questa popolazione)
Idioma: Italiana
Nome: Bugola
Note:

Habitat in cui si sviluppa Clima temperato    (Altre piante in questo habitat)
Mediterraneo    (Altre piante in questo habitat)
Distribuzione geografica Mediterraneo    (Altre piante di questa area)
Descrizione .
Porzione di utlizzo Parte aerea
Azioni farmacodinamiche Antidiarroico    (Altre piante con questa azione)


Antinfiammatorio, antiflogistico    (Altre piante con questa azione)


Astringente    (Altre piante con questa azione)


Vulnerario    (Altre piante con questa azione)


Utilizzi Medicinale    (Altre piante con questo impiego)
Cosmetico    (Altre piante con questo impiego)

La Bugola è una pianta leggermente amara, astringente ed aromatica. Poichè questa piantina è ricca di tannini, la sua destinazione è ancora quella di mitigare le infiammazioni intestinali soprattutto se accompagnate da scariche liquide. Anche se ci sono pareri discordanti al riguardo della azione medicinale. Ha lievi proprietà analgesiche, ed è ancora usata occasionalmente per curare le ferite. E' leggermente lassativa e si pensa aiuti a purificare il fegato e se ne è utilizzato anche per ridurre i disturbi emorroidali. Per uso esterno la sua caratteristica è quella ti attenuare le infiammazioni della cavità orale, rassodare le gengive, frenare le emorragie interne ed esterne, per cui funge da astringente su pelli fortemente arrossate. Per questo l'impiego puramente cosmetico trova un buon impiego per il mantenimento di un buon aspetto della pelle, la Bugola o Ajuga è utile alle pelli delicate facilmente arrossabili, predisposte alle couperose. In Omeopatia è impiegata contro le irritazioni della gola e le ulcere boccali.

Oli prodotti
Disturbi e malattie curate
Molecole costituenti
RicercaNella tradizione europea, è stata a lungo apprezzata come erba per curare le ferite. Nichola Culpepper la lodò nel 1652 ?il decotto delle foglie e fiori fatto nel vino e preso, discioglie il sangue coagulato di coloro che hanno contusioni interne dovute a una caduta o ad altro, ed è molto efficace per tutte le ferite interne, le irritazioni o le ferite interne nel corpo o nei visceri?. L?erborista Grieve, scrivendo nel 1931, riferì che essa abbassa la frequenza dei battiti e ?distribuisce uniformemente la circolazione?. Anticamente l?Ajuga veniva usata per curare l?itterizia, le intossicazioni del fegato e della milza e come leggero narcotico.
Avvertenze
Coltura
Bibliografia
Storia
Note
Autori che hanno contribuito


Top
CF 94079180488 Presidente: Marco Billi Tel. 055-4490598 cell. 334-2422344
e-mail: info@shangri-la-etnobotanica.org/e-mail: jarguna@me.com - © 2010 Association Shangri-La